Filosofia

La filosofia dello Skatepark Coperto Vanja

 

Il sogno di VanjaL’associazione Skatepark Coperto Vanja, senza scopo di lucro, è nata ad aprile 2008 in memoria di Vanja, un giovane asconese, morto nel 2004 a 18 anni in un incidente stradale. Ad aprile 2008 sua madre Dragana e suo fratello Igor hanno deciso di realizzare il suo sogno, creando l’associazione Skatepark Coperto Vanja. L’apertura e l’inaugurazione dello Skatepark si sono svolte il 25 luglio 2009, il giorno dopo l’anniversario di cinque anni dalla scomparsa di Vanja. Al suo diciottesimo e ultimo compleanno, Vanja aveva deciso di finanziare la costruzione di un pozzo di acqua in Ghana che oggi porta il suo nome. Per questo motivo, l’associazione continua a sostenere progetti simili come “Un bicchiere di latte per i bambini di Hanga (Africa)”.

Per tutti coloro che ci credevano, questa è stata la rinascita di Vanja.